fbpx

L’Archivio privato Galanti

di Santa Croce del Sannio

22,00

COD: ISBN 978 88 516 0216 4 Categorie: , , ,
Descrizione

Descrizione

Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo
Archivio di Stato di Campobasso
Università degli Studi di Salerno
Dipartimento di Studi Umanistici

La pubblicazione dell’Inventario dell’Archivio privato Galanti costituisce l’approdo di un quarantennio di grande impegno — di cui si ricostruisce l’intricata storia nell’Introduzione — per il recupero e lo studio di uno dei più importanti archivi privati del Settecento meridionale. Di questo archivio fino a qualche tempo fa si conosceva solo la parte relativa ai manoscritti di Giuseppe Maria Galanti, allievo di Genovesi, protagonista del riformismo settecentesco, figura di intellettuale illuminista di caratura europea, profondamente immerso nella conoscenza e nell’analisi delle condizioni storico-politiche, sociali, economiche e culturali del Mezzogiorno.
La pubblicazione di questo Inventario, oltre che dare nuovo impulso al progetto di edizione dell’opera omnia di Giuseppe Maria Galanti, ideato e perseguito da Augusto Placanica fino alla sua precoce scomparsa, potrà sollecitare anche studi su altri intellettuali della famiglia Galanti, come Luigi, storico e geografo noto e apprezzato nella Napoli di fine Settecento e dei primi anni dell’Ottocento. Ma l’Inventario risulterà complessivamente uno strumento di sicura utilità per lo studio del Mezzogiorno in età moderna.
Si realizza così l’auspicio di numerosi protagonisti della cultura italiana a cominciare da Vincenzo Cuoco, allievo di Galanti, che già in occasione della sua scomparsa (1806) metteva in campo la necessità di una edizione della impressionante mole dei suoi scritti, in gran parte inediti. Un auspicio ribadito da eminenti studiosi del Settecento a partire dal secondo dopoguerra (Ajello, Demarco, De Rosa, Galasso, Giarrizzo, Placanica, Rao, Tessitore, Venturi, Villani).
La realizzazione di questo Inventario costituisce anche un esempio virtuoso di collaborazione tra istituzioni pubbliche, Archivio di Stato di Campobasso e Università di Salerno, nel solco del lavoro di Augusto Placanica che a Giuseppe Maria Galanti ha dedicato uno straordinario impegno scientifico e organizzativo, all’insegna di un’idea di intellettuale e di cultura dalla ineliminabile dimensione etica e civile.

Informazioni aggiuntive

Additional Information

Formato

17 x 24 cm
pp. 334

Opinioni dei lettori

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “L’Archivio privato Galanti
di Santa Croce del Sannio