Che c’azzecca

Pretesti matematici per parlare di Molise. E viceversa

29,00

COD: ISBN 978 88 516 0247 5 Categoria:
Descrizione

Descrizione

È possibile, raccontando cose matematiche, apprendere che Ernest Hemingway in Addio alle armi parla di un prete originario di Capracotta (Is), che l’incisore e litografo olandese Maurits C. Escher, in un suo tour in Italia, fu attratto dal castello incastonato sulla roccia di Cerro al Volturno (Is) e lo ritrasse in una mirabile xilografia, che in una chiesa di Acquaviva Collecroce (Cb) si può osservare il quadrato magico Sator-Rotas, che è possibile ascoltare il dialetto molisano-croato, il na-našu, su un sito del Cnr francese, che il Molise, oltre alle tre Diocesi, ha una quarta sede episcopale non diocesana, che gli stazzi, i ricoveri per le pecore, sui monti delle Mainarde o lungo i tratturi che dall’Abruzzo portano in Puglia, sono stati costruiti dai pastori rispondendo alle stesse teorie con le quali oggi sono posizionate sul territorio le antenne per la telefonia mobile, che una legge del 1989 stabilisce la frequenza di accordatura degli strumenti musicali o che i confini del Molise sono tortuosi quanto le coste dell’Australia?
Viceversa, è possibile, raccontando di toponimi, territori, specialità e tradizioni della ventesima regione d’Italia, finire a parlare dei teoremi isoperimetrici di Zenodoro, degli assiomi di Peano, di Nepero e i suoi logaritmi, di Mandelbrot e i suoi frattali, di Fourier e delle sue trasformate?
Il sapore di questo volume è antico, raccoglie il testimone del racconto e della cultura non frazionata in compartimenti stagni e risponde alle sfide dei quesiti posti nelle due domande precedenti. Prova, inoltre, a coniugare il linguaggio formale di qualche passaggio matematico con le parole spontanee e comprensibili delle piazzette e delle sagre paesane.

Informazioni aggiuntive

Additional Information

Formato

17,0 x 24,0 cm
pp. 312

Opinioni dei lettori

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Che c’azzecca
Pretesti matematici per parlare di Molise. E viceversa
Autore

Autore

Giovanni Capobianco è ricercatore e docente di Calcolo Numerico e di Matematica per l’Informatica presso il Dipartimento di BioScienze e Territorio dell’Università degli studi del Molise. Da oltre vent’anni tiene corsi e seminari per studenti e docenti proponendo spunti matematici leggendo il territorio. È stato delegato del Rettore per la didattica e l’orientamento, coordinatore per il curricolo matematico del Polo del Molise del progetto “I Lincei per una nuova didattica nella Scuola” promosso dall’Accademia dei Lincei, è membro del Gruppo Nazionale Calcolo Scientifico-Istituto Nazionale di Alta Matematica (GNCS-INdAM) e del gruppo DigiMath dell’Unione Matematica Italiana che si occupa di tecnologie digitali e didattica della matematica.